7. I dati del questionario: le risposte degli Istituti Italiani di Cultura

 

 

 

7.12 Formazione dei docenti

 

Gli item 10, 11 e 12 del questionario avevano lo scopo di fornire una descrizione dei docenti che insegnano nei corsi degli IIC.

L’item 10 mirava a individuare i percorsi formativi effettuati dai docenti, italiani o stranieri: se avevano conseguito la laurea o se solo un diploma di scuola superiore, e, se laureati, avevano ricevuto una formazione glottodidattica specialistica o genericamente in Italia e/o all’estero. Inoltre questo item ci ha fornito anche un’altra informazione sui docenti: il tipo di contratto con il quale sono legati all’IIC in cui insegnano.

Hanno risposto a questo item 59 IIC.

Per prima cosa notiamo che la maggior parte dei docenti sono italiani. Comunque all’interno degli IIC opera anche un 18% di docenti stranieri. La scelta di ricorrere a docenti stranieri per insegnare la nostra lingua è importante indipendentemente dalla correttezza a livello di modelli glottodidattici perché segnala l’apertura alla realtà locale in termini di possibili sbocchi dell’investimento professionale fatto sull’apprendimento dell’italiano.

Per quanto riguarda il percorso formativo effettuato dai docenti, possiamo dire che la maggioranza di loro, sia italiani, sia stranieri, ha conseguito una laurea. Solo il 14% di tutti gli insegnanti non è laureato[1]. La percentuale dei laureati rispetto ai non laureati è leggermente superiore fra i docenti italiani rispetto a quelli stranieri. Possiamo affermare, pertanto, che la laurea è ed è stato un titolo discriminante (in senso positivo, ovviamente) per l’assunzione di chi vuole andare ad insegnare in un IIC.

Tabella n. 1 - Formazione dei docenti

Docenti

Italiani

Stranieri

non laureati

64

13

laureati

367

81

 

Abbiamo cercato anche di individuare il tipo di formazione ricevuta dai docenti laureati: se genericamente linguistica, oppure comprendente un orientamento di tipo glottodidattico. In altre parole, scopo dell’item era capire se ai docenti prima di andare ad insegnare erano stati forniti strumenti didattici all’interno della loro formazione, oppure se la competenza glottodidattica operativa era stata da loro acquisita esclusivamente sul campo.

Dall’analisi dei dati risulta che la maggior parte dei docenti hanno solo una formazione genericamente linguistica. I docenti italiani l’hanno acquisita prevalentemente in Italia, mentre i docenti stranieri prevalentemente all’estero, presumibilmente nel proprio paese di origine. Degno di nota ci sembra il fatto che una buona parte dei docenti, sia italiani sia stranieri, hanno compiuto il proprio percorso di formazione sia in Italia sia all’estero, sviluppando l’esperienza diretta del contatto fra lingue e culture, fra linee diverse di formazione professionale.

Tabella n. 2 - Tipo di laurea dei docenti

 

Italiani

Stranieri

Totale

N. docenti laureati con formazione

ricevuta in Italia

ricevuta all’estero

ricevuta in Italia e all’estero

ricevuta in Italia

ricevuta all’estero

ricevuta in Italia e all’estero

 

glottodidattica specialistica

52

16

53

1

3

12

137

genericamente linguistica

95

2

79

9

16

22

223

 

Per quanto riguarda il tipo di contratto che lega i docenti agli IIC, notiamo che la maggior parte di loro ha un rapporto di lavoro a tempo determinato: sono assunti dagli IIC in base alle esigenze del momento e per la durata di tempo necessaria. I docenti con un contratto a tempo indeterminato sono il 18,9%. I docenti che dipendono direttamente dall’Italia sono molto pochi: solo il 3,7% del totale.

Tabella n. 3 - Tipo di contratto dei docenti

Tipo di contratto

laureati

non laureati

totale

dipendenti dall’Italia

3,5%

0,2%

3,7%

a tempo indeterminato

15,9%

3,0%

18,9%

a tempo determinato

55,0%

9,6%

64,6%

altro

10,3%

2,5%

12,8%

totale

84,7%

15,3%

100,0%

 



[1] Sta in questo dato una delle giustificazioni del successo che ha una proposta formativa come il diploma DITALS di certificazione della competenza professionale dei docenti, diretta dalla dott.ssa P.A. Diadori,  realizzata dall’Università per Stranieri di Siena e nata per rispondere in termini di qualificazione professionale proprio alle esigenze di questa fascia di pubblico.